domenica 3 novembre 2013

Dado vegetale fatto in casa

Nel nostro orto urbano sono presenti tutti gli ingredienti per fare un gustoso dado vegetale fatto in casa, senza dover ricorrere ai dadi comprati al supermercato dove le leggende metropolitane aleggiano sul famoso glutammato...
Ma a noi il ruolo del glutammato poco importa in questa sede, visto che il dado vegetale ce lo facciamo da sole e con le verdure del nostro orto, di cui sappiamo precisamente la provenienza e la concimazione, creando così un prodotto ideale per insaporire le carni o anche per fare un brodo vegetale tutto naturale...
 
 
Questa ricetta di preparazione del dado vegetale è abbastanza semplice (anche se un pochino lunga) e, a differenza di tate altre ricette che si trovano in rete, non prevede la cottura del prodotto ma la sola macerazione nel sale.
 

Un ottimo modo, quindi, per utilizzare tutto l'anno le verdure del nostro orto urbano!
 
Ingredienti:
  • Sale grosso: 1,5 kg
  • Pomodori: 1 kg
  • Cipolle bionde: 1 kg
  • Carote: 1 kg
  • Sedano: 500 gr
  • Prezzemolo: 300 gr
  • Porro: 1 porro
  • Zucchine: 5/6 grandi
     
  1. Laviamo accuratamente tutte le verdure e le erbe aromatiche: mettiamole sopra un canovaccio per farle asciugare bene.
  2. Facciamole a pezzettini per aiutarci nella fase successiva: lo sminuzzamento. Per questa operazione prendiamo un robot da cucina e iniziamo a tritare le verdure, riducendole piano piano in un composto omogeneo e morbido, fino a ridurle in poltiglia. Se non riusciamo a tritare tutto insieme possiamo farlo anche in più passaggi, ricordandoci di mettere insieme verdure morbide e dure in modo da creare un composto liscio.
  3. Versiamo tutto il composto in un recipiente grande, aggiungiamo il sale e mescoliamo bene. Lasciamo il tutto a macerare per 2 giorni a temperatura ambiente e lontano da fonti di calore.

          Per la conservazione possiamo optare per due modalità:

          - Vasetti di vetro: li possiamo conservare in un luogo fresco (tipo la cantina, per chi           ha la fortuna di averne una) e poi, una volta aperti, li dobbiamo tenere in frigorifero
        - Congelatore: possiamo riporli in vaschette per il ghiaccio oppure sacchetti e          mettiamo il tutto nel congelatore: avremo così a disposizione pratiche monodosi sempre pronte all'uso. Si conservano per circa 6 mesi.

 

 
Raccogli e conserva!
 
Per chi comunque vuole avere informazioni in più sul ruolo del glutammato rimando a questo ottimo articolo che ne parla: http://www.sconfini.eu/Notizie-utili/dadi-per-brodo-il-ruolo-del-glutammato.html